domenica 15 gennaio 2017

Benvenuti al Nord

Se non avete visto l’originale francese avrete visto il remake italiano con Bisio. A punti cardinali rovesciati, ma soprattutto a condizioni rovesciate, perchè vuoi mettere il Cilento con le distese post minerarie ai confini col Belgio. Quelle zone sono una delle rust belt europee. Come le zone deindustrializzate degli Stati Uniti, un puzzolente cimitero umano ed ecologico come Will Denayer definiva la Pennsylvania in quell’articolo sulla sconfitta della Clinton che vi ho tradotto e che vi era tanto piaciuto. E che la nostra sinistra liberale tratta nello stesso modo di quella d’oltre Atlantico. Emmanuel Macron che ha fatto per due anni il ministro del governo socialista sotto Hollande, ha detto che il nord della Francia è preda degli alcolisti e dei tabagisti. Spazzatura umana, questi ex minatori ed operai che, infatti, in quanto tale oggi vota Le Pen, mentre una volta votava socialista e comunista. Adesso questo signore guida un movimento in parte sostenuto dai socialisti di destra in parte dai liberali di sinistra con obiettivo l’Eliseo, con la stessa assoluta sicumera con cui la Clinton ha guidato lo stesso schieramento nella sua perdente battaglia contro il basket of miserables. Non ha imparato da lei, certamente ha imparato da Hollande il presidente socialista che in privato definisce i poveri, gli sdentati. Ora è vero che molti di quelli che hanno votato Trump, e praticamente tutto il suo nuovo governo, sono davvero un’accozzaglia di miserabili. Ma il piedistallo da cui noi giudichiamo è sottile. Ad esempio si può facilmente ironizzare su ministri che non credono a Darwin e sono creazionisti, ma basta aggiungere uno stratino alla nostra superiorità intellettuale per trovare altrettanto sconsolante gente che crede nella resurrezione della carne e nell’ascensione. Miserabili, alcolisti, tabagisti, questa è gente che è stata abbandonata, sacrificata dal potere in nome del profitto. E noi che una volta avremmo sognato e tentato la loro redenzione, li lasciamo nelle mani di Trump e Le Pen. Meritandoceli.

7 commenti:

  1. come spesso capita, caro Massimo, trovi la via, breve, per arrivare al punto delle situazioni, con chiarezza e perfino divertendo nell'amara lettura

    RispondiElimina
  2. Grazie soprattutto per aver colto il modus operandi. Non sempre ce la faccio

    RispondiElimina
  3. Massimo,
    sempre reciso e preciso. Quanto male. Non stancarti mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai è una parola grossa. Però tengo duro

      Elimina
  4. Da quando sei andato in pensione Caro Massimo hai affilato il Rasoio di Occam a tal punto che solo sfiorando gli argomenti li tagli meglio, anzi piu', di una spada LASER !!!!
    Poi rimanendo sempre nell'ambito di 30 righe, riesci a condensare talmente tanta, aulica saggezza nel tuo Contropelo che a volte occorre leggerlo piu' e piu' volte !!!
    Complimenti ! Con te si vola alto a tal punto da avere quasi paura di cadere !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà mi sono un po' allargato nei tempi. Ma è per compensare i giorni in cui non scrivo!

      Elimina

Ricordo a tutti gli utenti che chi invia un commento si assume le responsabilità civili e penali da esso derivanti.
La libertà di espressione del proprio pensiero è sacrosanta, ma incontra dei limiti ben precisi, volti a tutelare la dignità, l'onore e la reputazione altrui.
Qualsiasi commento ritenuto inappropriato verrà rimosso nel minor tempo possibile, compatibilmente con la natura occasionale, e non professionale, della mia presenza on-line.